_DSC0149 (450 x 676)Epilazione progressivamente definitiva con laser

I più comuni metodi utilizzati per eliminare i peli superflui la rasatura, la dolorosa ceretta, le creme depilatorie con efficiacie limitata, l’elettrolisi o elettrodepilazione, che permette dei risultati più duraturi ma con tempi di trattamento decisamente lunghi (un pelo ogni 2-3 secondi) e non è esente da “danni collaterali” quali esiti cicatriziali “a scodella” e follicoliti.

Nel nostro centro di laserterapia dermatologica per i trattamenti di epilazione progressivamente definitiva vengono utilizzate due sorgenti laser di diversa lunghezza d’onda 755 nm (gold standard) e 1064 nm, ad impulso lungo fototermico o fotoacustico efficace su fototipi scuri, cute abbronzata, peluria fine e sottile scura), approvati dalla Food and Drug Administration per l’eliminazione permanente dei peli superflui e per il trattamento di problemi come l’ipertricosi ed irsutismo.

La moderna tecnologia laser offre notevoli vantaggi rispetto all’ elettroepilazione. Consente di ottenere progressi in tempi  rapidi e più duraturi. È efficace,più sicura ed affidabile, priva di esiti cicatriziali. Il Laser ad Alessandrite GentleLase Candela consente di trattare la cute in modo efficace, ma confortevole (per il sistema di raffreddamento della cute che raffredda la cute riducendo la sensazione di fastidio) e agisce rapidamente (grazie agli spot da 8 a 18 mm e per la rapida frequenza di ripetizione).

Il laser ad alessandrite emette un fascio di luce coerente, di lunghezza d’ onda pari a 755nm, utilizzando come recettore la naturale melanina del bulbo pilifero, che trasporta alla radice del pelo il calore, provocando un’ ischemia acuta completa del bulbo (effetto fototermico). Per tale motivo i peli bianchi o molto chiari non vengono riconosciuti e non possono essere trattati con successo; possono essere invece trattate tutte le persone con ipertricosi/irsutismo, peli superflui spessi o peluria di colore nero, scuro, rosso, biondo cenere.

Come funziona

Il raggio laser investe contemporaneamente su decine di bulbi, distruggendo immediatamente una parte di essi (10-15%) in fase di crescita (fase pro-Anagen ed Anagen) e rallentando la ricrescita del resto dei peli sin man mano ad ogni seduta. Il trattamento richiede più sedute, data la mancata sincronizzazione dei cicli vitali dei peli negli esseri umani. Ogni seduta di terapia può avere una durata variabile a seconda della zona da trattare, da un minuto (per il mento) a più di un’ora per le gambe.

I benefici clinici richiedono in genere dalle 4 alle 8 sedute, effettuate ogni 4/6 settimane oppure in corrispondenza della prima ricrescita. Permangono normalmente per anni, anche se può rendersi necessaria qualche seduta sporadica, soprattutto per gli arti inferiori nelle donne ed il dorso dell’ uomo.
A seconda dei singoli casi  possono essere necessarie più sedute di quelle concordate all’inizio in conseguenza di una risposta individuale costituzionale e/o patologica (disfunzioni endocrine misconosciute o subcliniche) e/o cure cortisoniche/ormonali (ex: pillola contraccettiva) e/o per causa di un habitus ansioso-depressivo. In assenza di risultati è consigliabile sottoporsi a uno screening ormonale all’ inizio e/o durante il trattamento.

Epilazione con laser: le precauzioni necessarie pre-trattamento

Nelle 4 settimane antecedenti il trattamento non si devono effettuare depilazioni con cerette e/o pinzette. È necessario astenersi anche dall’uso del guanto di crine e delle creme decoloranti.  Occorre depilare la zona da trattare con il rasoio, la crema depilatoria o le forbicine 1-2 giorni prima della seduta, in modo da garantire la persistenza del bulbo del pelo all’ interno del follicolo pilifero.
Nei 30 giorni precedenti il trattamento, va sospeso l’utilizzo di qualsiasi crema contenente Acido Glicolico, Salicilico, Fitico e affini, nonché di qualsiasi crema abbronzante. Nei due giorni antecedenti la seduta e il giorno della stessa non vanno praticati peeling casalinghi con creme esfolianti né usati profumi o tonici a base alcolica. Qualora fosse incorso una terapia antibiotica e/o antiacne o con farmaci fotosensibilizzanti è indispensabile segnalarlo al medico. Non si deve prendere sole ed esporsi a lampade abbronzanti nel mese antecedente il trattamento vanno evitati anche la sauna e il bagno turco.
Per tutta la durata del trattamento  si raccomanda di non esporsi a qualsiasi altra fonte di calore.

Durante la seduta BISOGNA proteggere gli occhi con appositi occhiali protettivi forniti dal personale sanitario.

CONTROINDICAZIONI:

  • Presenza di lesioni cutanee sospette per tumori o herpes nelle regioni da trattare.
  • Disturbi della cicatrizzazione.
  • Epilessia
  • Assunzione di vitamina A, isotretinoina, farmaci fotosensibilizzanti.
  • Stato di gravidanza
  • Patologie fotosensibili o fotoaggravate.

Possibili effetti indesiderati dell’epilazione con laser:

Possono comparare durante l’intervento, bruciore, sensazione di fastidio e più raramente dolore, in rapporto alla sezione del pelo di qualche micron, alla sede della depilazione (es. torace e dorso nell’ uomo) ed alla soglia del dolore personale; Itrattamento è in genere ben tollerato; in alcuni casi può essere impiegata una crema anestetica locale in occlusione un’ ora prima della seduta o un getto di aria fredda emessa da apposita apparecchiatura;
Per qualche ora o in caso di maggiore sensibilità per 2-3 giorni, possono manifestarsi rossore (eritema) e gonfiore (edema) spesso puntiformi, simili a punture di insetti, a livello dei follicoli piliferi: ciò non è altro che l’esito dell’ “esplosione del pelo nel follicolo” con conseguente danneggiamento dello stesso, processo che sta alla base di questa tipologia di depilazione persistente ed è indice del buon esito della terapia. A livello di questi punti o nelle zone più intensamente arrossate si possono formare micro-vescicole e quindi “crosticine” tipo intensa scottatura solare estiva, il problema si risolve spontaneamente in pochi giorni.
Molto raramente si riscontrano casi di ipopigmentazione (chiazze chiare) o iperpigmentazione (chiazze scure) che potrebbero permanere qualche mese, soprattutto in rapporto al fototipo scuro o alla cute abbronzata.

COMPORTAMENTI E PRECAUZIONI POST-TRATTAMENTO LASER:

Nelle quattro settimane successive al trattamento non ci si deve esporre al sole o ai raggi ultravioletti (lampade abbronzanti) .
Utilizzare in ogni caso una crema idratante/emolliente ed in particolare una protezione solare totale per le zone fotoesposte trattate.
Nei giorni immediatamente successivi al trattamento, per l’igiene delle zone utilizzare solamente acqua tiepida o fredda.

Presso il nostro centro si possono utilizzare altre sorgenti laser per depilazione progressivamente definitiva, quali nd-YAG 1064 ad impulso lungo e nd-Yag Q-switched preferibili nei fototipi scuri, in caso di peluria scura, fine e sottile, cute abbronzata, per poter escludere il rischio di iper/ipocromie in rapporto al differente meccanismo di distruzione del follicolo pilifero (non fototermico ma fotoacustico). La diminuzione della peluria a lungo termine si ottiene con un ciclo di sedute variabile da 4-6 ogni 4-6 settimane. La seduta non è fastidiosa e non si manifestano effetti indesiderati di bruciature, edema, discromie. L’ esposizione al sole possibile in questo caso dopo soli 5 o 6 giorni, questo rende l’utilizzo delle due apparecchiature preferibile nel periodo estivo.

In generale possiamo sottolineare che le sedute necessarie per una significativa riduzione permanente dei peli superflui (70-80%) partono da un minimo di 4 sedute a cadenza mensile. Il costo di ogni seduta dipende soprattutto dall’ estensione della’area da trattare. Ogni preventivo, strettamente personalizzato, viene illustrato in sede di visita/colloquio preliminare.

Fissa un appuntamento telefonico per una visita oppure invia un’email per richiedere informazioni